Immigrato Amico – Il sito… reciproco!

Home » NEWS QUOTIDIANE » Ancora in diminuzione l’occupazione straniera nelle piccole imprese in Veneto.

Ancora in diminuzione l’occupazione straniera nelle piccole imprese in Veneto.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 7.576 follower

Categorie

Pagine

Album 'Reciproco'

Dividiamo lo stesso pane

Dalla parte dei bambini per un futuro migliore

sempre insieme, anche a scuola

benvenuto nel mio paese

vicini vicini

una cosa sola con il cielo

ridiamoci sopra

cin cian ciai

che colore ti gira?

studiamo insieme

Altre foto

L’occupazione straniera nelle piccole imprese venete fa registrare un leggero calo nell’ultimo semestre (-0,4%) ma si prevede una ripresa del 3% nell’ultima parte dell’anno. È l’analisi contenuta da un’indagine della Fondazione Leone Moressa su un panel di 600 imprese venete.
Si tratta, spiegano i ricercatori, di un mercato del lavoro composto principalmente da lavoratori provenienti dall’Est Europa (prima Romania), che ricoprono professioni scarsamente qualificate e reclutati dalle imprese per supplire alla mancanza di manodopera locale.
A fronte di una contrazione dell’occupazione dell’1%, quella dei cittadini stranieri è stata più attenuata ed ha riguardato in particolare i comparti dell’edilizia (-1,0%) e della produzione (-0,9%). Pressoché invariata è stata invece l’occupazione nel settore dei servizi alle persone, dove si registra un’alta incidenza di lavoratrici stranieri. Cresce invece il numero di occupati stranieri nel settore dei servizi alle imprese (+2,3%).
Le previsioni per la seconda parte dell’anno segnalano l’intenzione delle piccole imprese ad assumere più lavoratori tra gli stranieri (+3,0%) che tra gli autoctoni (+0,4%), soprattutto nei settori della produzione, dei servizi alle persone e, in misura minore, nell’edilizia.
I lavoratori stranieri attualmente occupati nelle piccole imprese venete – nell’85% dei casi con contratti a tempo indeterminato – provengono principalmente da Paesi europei non comunitari (39,2%), come Albania (18,8%) e Moldavia (6,0%), e da Paesi comunitari (24%), specie dalla Romania (22,4%). Un altro 22,4% dei lavoratori stranieri proviene dall’Africa, principalmente da Marocco (14,0%) e Tunisia (4,4%). Lavoratori che ricoprono mansioni non qualificate (46,7%), il 13,1% posizioni semiqualificate, sebbene il 39,8% risulti essere operaio specializzato.
“Il calo degli occupati stranieri nella piccola impresa veneta nella prima parte dell’anno” affermano i ricercatori della Fondazione Leone Moressa “è uno dei sintomi della crisi, che ha visto le imprese di piccole dimensioni più esposte alle criticità del momento. Ma il vento sembra lentamente cambiare: le previsioni infatti evidenziano una lieve ripresa nelle assunzioni anche se a termine, che stimoleranno l’occupazione straniera. Le 13.590 assunzioni previste per il periodo estivo in Veneto, di cui 2.419 riservate ai soli stranieri (dati Excelsior Unioncamere), contribuiranno ad alleviare, anche se solo in parte, le difficoltà degli ultimi anni”.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

RSS Sostieni la solidarietà! Fai un’offerta o acquista un prodotto!

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Access Daily Point

  • 1,963,729 hits

Statistiche del Blog

  • 1,963,729 hits
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: