Immigrato Amico – Il sito… reciproco!

Home » NEWS QUOTIDIANE » Bari: esplode la protesta nel Cara, gli immigrati bloccano la statale 16 e la ferrovia per chiedere tempi certi al riconoscimento dello status umanitario.

Bari: esplode la protesta nel Cara, gli immigrati bloccano la statale 16 e la ferrovia per chiedere tempi certi al riconoscimento dello status umanitario.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 7.576 follower

Categorie

Pagine

Album 'Reciproco'

Dividiamo lo stesso pane

Dalla parte dei bambini per un futuro migliore

sempre insieme, anche a scuola

benvenuto nel mio paese

vicini vicini

una cosa sola con il cielo

ridiamoci sopra

cin cian ciai

che colore ti gira?

studiamo insieme

Altre foto

Blocco parziale della statale 16 e delle ferrovia, atti di ostilità verso le forze dell’ordine e danneggiamenti al Centro di accoglienza che li ospita. È quanto accaduto ieri a Bari a seguito della protesta degli immigrati ospiti del Cara che hanno inscenato una manifestazione per lamentare i lunghi tempi di attesa del rilascio dello status umanitario, per molti dei quali supera i 7 mesi.
È la seconda protesta di questo tipo, dopo quanto accaduto la scorsa settimana a Mineo, che fa scattare un campanello di allarme per le condizioni critiche che si registrano nei centri e per i pericolosi processi di emulazione. Una manifestazione che, lungi da attirare solidarietà per gli immigrati, ha rischiato di degenerare per il blocco del traffico automobilistico e ferroviario per diverse ore.
La protesta si è conclusa con un bilancio pesante – 50 feriti lievi tra le forze dell’ordine ed alcuni automobilisti e 30 fermati tra i manifestanti – dopo la mediazione realizzata dai funzionari della Prefettura, della Questura e rappresentanti del Comune di Bari e della Regione Puglia.
Secondo la promessa fatta ai manifestanti, per domani è previsto un incontro nella Prefettura di Bari presieduto dal sottosegretario Mantovano nel corso del quale si cercherà di trovare una soluzione.
Al vertice parteciperanno anche il Capo del Dipartimento delle libertà civili ed il Presidente della Commissione nazionale per il riconoscimento dello status di rifugiato politico. L’obiettivo, ed anche la speranza degli immigrati, è quello di ottenere i permessi umanitari per regolarizzare la loro situazione in Italia. Si tratta per lo più di immigrati provenienti dalla Libia e di altre nazionalità che lavoravano nel Paese al momento della rivoluzione e sono fuggiti.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

RSS Sostieni la solidarietà! Fai un’offerta o acquista un prodotto!

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Access Daily Point

  • 1,963,732 hits

Statistiche del Blog

  • 1,963,732 hits
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: